Torna alla home
a
home > film > Gatto nero, gatto bianco
a
Chi sono
Libri
Film
Concerti
Web writing
Contatti

Gatto nero, gatto bianco
di Emir Kusturica
Con B. Severdzan, F. Ajdini, S. Todorovic, J. Destani, B. Katic
Anno: 1998
Durata: 120 min.
a
Un film molto divertente che ci parla delle difficoltà della vita.

Siamo tra gli zingari della ex Jugoslavia. Matko è un contrabbandiere che vive sulla riva del fiume Danubio. Con lui vive il figlio Zare, un adolescente. Un giorno, Matko chiede aiuto per fare un furto a Dadan, un potente criminale. Dadan accetta ma lo imbroglia. Poi, lo ricatta pure: vuole che Zare sposi sua sorella Afrodita. Ma Zare è innamorato di un'altra ragazza, Ida.

Kusturica ci mostra quant'è difficile la vita. Vivere è duro perché la vita è un caos pieno d'imprevisti e di eventi incredibili. Perciò, l'uomo è spesso preda di avvenimenti che non può controllare. Inoltre, la vita è assurda, perché è piena di contraddizioni, di opposti. Ecco perché, in varie scene del film, compaiono assieme un gatto bianco e uno nero: i due colori rappresentano gli opposti della vita.

Per Kusturica, anche l'uomo è assurdo. Perché anch'egli è pieno di contraddizioni. Infatti, da un lato, l'uomo è grande, perché è capace di sentimenti nobili, come l'amore e l'amicizia. Però, dall'altro lato, l'uomo è miserabile perché, per la sete di denaro, tradisce e opprime gli altri uomini.

Come fare allora per tirare avanti in un mondo così duro? Kusturica ci dice che è l'ironia a salvarci. Dobbiamo saper ridere delle nostre contraddizioni e di quelle del mondo. Insomma: la vita è un inferno ma, se sappiamo riderci su, possiamo evitare la disperazione e perfino godercela un po'.

Il film ci parla del mondo degli zingari. Ma l'intento del regista non è quello di ritrarre quel popolo. Kusturica usa gli zingari solo perché il loro mondo, così colorato e ricco d'eventi, somiglia a un circo con spettacoli sempre nuovi e incredibili. Somiglia cioè alla vita.

Il film ha molto ritmo: gli avvenimenti si susseguono a grande velocità. Ciò per mostrare che la vita è un caos confuso. Il ritmo è dato anche dalle belle e sfrenate musiche zingare.

     
 
 
[home] [chi sono] [libri] [film] [concerti] [web writing] [contatti]


alessandro@parlochiaro.it