Torna alla home
a
home > film > Le nevi del Kilimangiaro
a
Chi sono
Libri
Film
Concerti
Web writing
Contatti

Le nevi del Kilimangiaro
di Henry King
Con G. Peck, H. Knef, S. Hayward, A. Gardner, L. Carroll, H. Stanley
Anno: 1952
Durata: 117 min.
a
Un film che ci parla del senso della vita. L'idea del film nasce dal racconto Le nevi del Kilimangiaro di Ernest Hemingway.

Harry è uno scrittore di successo. Durante un viaggio in Africa, si ferisce una gamba in modo grave. La ferita mette Harry in pericolo di vita. La sensazione d'essere vicino alla morte lo spingerà a fare un bilancio della sua vita.

Harry è sempre stato alla ricerca di emozioni forti. Ha sempre voluto vivere la vita al massimo. Ha sempre avuto enormi ambizioni. Ma la fame d'emozioni e di successo l'ha reso egoista. Infatti, Harry ha sempre cercato ciò che lo faceva star bene, ma non ha mai cercato il bene delle altre persone. Neanche di quelle che lo amavano. Insomma: nella vita, Harry ha amato una sola persona, se stesso.

Ma la felicità non sta nell'egoismo. E non sta neanche nell'inseguire emozioni sempre più forti. La felicità sta nella vita semplice e tranquilla. Nell'amore di una donna e nel calore dell'amicizia. Purtroppo, Harry l'ha sempre capito in ritardo. Ogni volta che ha incontrato la felicità, l'ha lasciata scappare.

Alla fine, Harry viene salvato dall'amore di sua moglie. La moglie gli cura la ferita e gli salva la vita. Ma gli cura anche l'anima: gli fa cioè capire che la felicità è dare e ricevere amore dagli altri, non è amare solo se stessi.

King ci parla anche della scrittura. La scrittura è un'avventura dura, alla caccia della verità. Un obbiettivo che Harry ha tradito, anche se è uno scrittore di successo. Infatti, Harry è solo uno scrittore alla moda: i suoi libri vendono tanto, ma valgono poco. Harry ha cioè scelto la via dei soldi facili, non quella della ricerca della verità.

Bello l'inizio del film (che è poi l'inizio del racconto di Hemingway). Una voce dice: "Il Kilimangiaro è un monte coperto di neve alto 5888 metri e si dice che sia la più alta montagna africana. Vicino alla vetta occidentale, c'è la carcassa rinsecchita e congelata di un leopardo. Nessuno ha saputo spiegare che cercasse il leopardo a quell'altitudine". Il leopardo è Harry: chi dimentica i veri valori della vita e cerca imprese impossibili fa una brutta fine.

 
     
 
 
 
[home] [chi sono] [libri] [film] [concerti] [web writing] [contatti]


alessandro@parlochiaro.it