Torna alla home
a
home > film > Million dollar baby
a
Chi sono
Libri
Film
Concerti
Web writing
Contatti

Million dollar baby
di Clint Eastwood
Con C. Eastwood, H. Swank, M. Freeman, J. Baruchel, M. Colter
Anno: 2004
Durata: 137 min.
a
Un film intenso e commovente.

Frankie, uomo solitario e duro, ha passato la vita ad allenare pugili nella sua palestra. Un giorno incontra Maggie, una ragazza decisa a farsi allenare da lui. L'incontro cambierà la vita d'entrambi.

È la storia di una ragazza povera che vuol cambiare il suo futuro e che ci riesce. Ma non è uno di quei film che raccontano una favola, cioè una storia che con la vita reale non c'entra niente.

Il film ci parla della solitudine. Tutti i protagonisti sono persone sole. Frank ha addirittura scelto la solitudine. Meno sentimenti, meno dolore: questa la sua filosofia. Maggie gli farà capire che sbagliava. I sentimenti ci fanno uscire dal vuoto delle nostre esistenze. I sentimenti ci rendono umani.

Un film sul rapporto tra padre e figlia. Frank ha una figlia che non lo vuol più vedere. Maggie non ha mai conosciuto suo padre e ha una madre e dei fratelli cattivi. Con Maggie, Frank vivrà quel rapporto paterno che gli mancava da anni. E Maggie troverà in Frank il padre che non ha mai avuto. Il calore della famiglia ci aiuta a vivere.

Eastwood ci parla anche del destino e di come lo affrontiamo. La felicità di Maggie scompare appena arrivata. Era destino? Maggie, finché può, accetta il dolore con coraggio e dignità. Frank invece si ribella. Ma cambia qualcosa se ci ribelliamo? No, dice Eastwood.

E poi la fede in Dio. La vita è dura e spesso ingiusta. Perché? Perché il dolore? Perché il male? Frank prega molto, ma la sue domande non hanno risposta. Neanche il prete del film sa consigliarlo: le sue parole sono fredde. Insomma: siamo proprio soli.

Eastwood ci parla anche dell'eutanasia. Cioè del fatto che un malato grave, senza speranze di guarire, chieda di morire. È giusto accontentarlo? Fino a che punto la vita è sacra?

Un film sulla natura umana e sulle sue debolezze. A noi i conti non tornano quasi mai, alla vita sempre. Inutile sperare nel contrario.

 
     
 
 
 
[home] [chi sono] [libri] [film] [concerti] [web writing] [contatti]


alessandro@parlochiaro.it