Torna alla home
a
home > film > Rapina a mano armata
a
Chi sono
Libri
Film
Concerti
Web writing
Contatti

Rapina a mano armata
di Stanley Kubrick
Con S. Hayden, C. Gray, V. Edwards, J. C. Flippen, M. Windsor
Anno: 1956
Durata: 83 min.

a
Tanti registi hanno trovato ispirazione studiando questo film, che racconta una rapina finita male. Sono passati cinquant'anni, ma questo film di Kubrick continua a essere un esempio di ottimo cinema.

Kubrick adorava il gioco degli scacchi. Lo capiamo dalla disposizione a scacchiera dei personaggi in molte scene dei suoi film. Per esempio, troviamo questa disposizione all'inizio di Arancia meccanica e nelle battaglie di Barry Lyndon. Inoltre, in molti film di Kubrick si gioca una partita a scacchi. Ed è proprio la logica degli scacchi a reggere la trama di questo suo lavoro: il colpo è organizzato bene, ogni pezzo è al suo posto, tutto sta andando bene. Peccato per un paio d'errori che saranno decisivi: partita persa.

Il film conserva un grande fascino. E non solo per il finale a sorpresa. Nelle scene la luce arriva spesso dall'alto: sembra sottolineare il senso di colpa dei protagonisti. I rapporti tra i cattivi e le loro vittime, le esistenze che s'incrociano, i diversi punti di vista della rapina, il destino che non dà una seconda occasione: tutto gira su una struttura geniale e complessa, ma piena d'armonia.

 
     
 
 
 
[home] [chi sono] [libri] [film] [concerti] [web writing] [contatti]


alessandro@parlochiaro.it