Torna alla home
a
home > libri > Lo scandaglio dell'anima
a
Chi sono
Libri
Film
Concerti
Web writing
Contatti

Lo scandaglio dell'anima
di Georg C. Lichtenberg

a
Capolavoro di un autore tanto geniale quanto sconosciuto. Il libro ci presenta le sue riflessioni sulla vita. Le scrisse tra il 1766 e l'anno della sua morte, il 1799. Gli argomenti sono tantissimi. Come tantissimi erano gli interessi di questo scienziato tedesco: la matematica, la chimica, la biologia, l'arte, la filosofia, la letteratura.

Lichtenberg fu uno degli intellettuali più originali del Settecento. Un carattere bizzarro e un'anima senza pace: non somigliava certo a un tedesco. Ma di genio ne aveva tanto. E infatti fu ammirato da Kant, Goethe, Schopenhauer, Nietzsche. Purtroppo, i critici lo ignorarono. Per questo pochi lo conoscono.

Nei suoi pensieri, spesso pieni d'ironia, sono esaminate tutte le attività dell'uomo. Lichtenberg denuncia le nostre manie e le nostre debolezze. E lo fa senza pietà. Il suo bersaglio preferito sono gli stupidi, soprattutto quelli seri, cioè quelli che fanno cose stupide in nome di un ideale o di una bandiera. Lichtenberg critica quindi con forza la nostra società, perché la vede piena di stupidi di questo tipo.

Ma Lichtenberg non vuol farci la morale. I suoi giudizi non sono quelli di uno che si sente superiore. La sua risata è più che altro un sorriso ironico. Lo scrittore denuncia i nostri vizi, ma sa che anche lui è un uomo. Quei vizi sono anche suoi. Quando ride di noi, ride anche di sé. Sa di essere anch'egli un pagliaccio nel circo della vita.

Lichtenberg c'invita a non prenderci troppo sul serio. Siamo pieni di difetti: cerchiamo di vederli e di migliorare. Con umiltà. E con ironia, soprattutto verso noi stessi. Perché chi non ride di se stesso, ma solo degli altri, è proprio ridicolo.

L'autore amava le donne. Fin troppo. Per esempio, ci racconta tutte le manovre per avvicinare la sua cameriera minorenne. Poi, il giorno e l'ora dei loro incontri. Infine, i commenti ("a tutto spiano", "veementissimo" eccetera). E quando doveva saltare un giorno? Stava male. Insomma: un genio che amava proprio tutto della vita.

     
 
 
[home] [chi sono] [libri] [film] [concerti] [web writing] [contatti]


alessandro@parlochiaro.it