Torna alla home
a
home > libri > Pensieri sulla vita e sull'arte
a
Chi sono
Libri
Film
Concerti
Web writing
Contatti

Pensieri sulla vita e sull'arte
di Arthur Schnitzler

a
La vita e l'arte viste da uno di quei geni austriaci che, all'inizio del Novecento, raccontarono la condizione dell'uomo moderno.

"Trastulli filosofici non privi di profondo significato". Così Schnitzler definiva questa sua raccolta di osservazioni, appunti, pensieri. In essa l'autore tratta molti temi della vita: l'amore, la morte, la psicologia umana, l'arte, la critica letteraria, la guerra, Dio.

Le chiavi di lettura dell'opera sono due. In primo luogo, Schnitzler crede nella libertà di coscienza degli uomini davanti ai problemi della vita. Questo perché gli uomini sono liberi e possono separare le cose positive dell'esistenza da quelle negative. Possono cioè vedere la differenza tra bene e male. In questo senso, "ci sono solo tre virtù assolute: obiettività, coraggio e responsabilità". In secondo luogo, Schnitzler esalta la verità e denuncia ciò che è falso, perché "perdere un'illusione significa arricchirsi di una verità". Nella vita come nell'arte.

L'atteggiamento di Schnitzler non è filosofico, ma morale e pratico. La teoria non gli interessa: va subito al nocciolo delle cose. Così si tuffa nella vita, sforzandosi di non perdere mai di vista la realtà concreta. Questo lo spinge a rinunciare a qualsiasi verità eterna.

Schnitzler è uno di quegli scrittori che val proprio la pena di leggere. Perché ci stimola come pochi a chiederci chi siamo e a dare una risposta a questa domanda.

     
 
 
[home] [chi sono] [libri] [film] [concerti] [web writing] [contatti]


alessandro@parlochiaro.it