Torna alla home
a
home > libri > Racconti
a
Chi sono
Libri
Film
Concerti
Web writing
Contatti

Racconti
di Gialal ad-Din Rumi

a
Una serie di brevi racconti, alcuni dei quali bellissimi. Sono presi qua e là dal Mathnawi, il capolavoro del poeta Rumi. Nato nel 1207 d.C. in Persia (l'Iran di oggi), Rumi è morto in Turchia nel 1273 d.C.

Rumi è un poeta sufi. Appartiene cioè a quella parte della religione musulmana che ritiene possibile il contatto diretto con Dio se si medita, si prega o si danza ogni giorno. I sufi sono religiosi che vivono con un solo obiettivo: Dio.

Questi racconti sono pieni di saggezza. Assomigliano a brevi favole e ci insegnano cose che valgono per l'uomo d'ogni tempo e d'ogni luogo. Assomigliano anche alle parabole del Vangelo, cioè ai brevi racconti morali di Gesù. Insomma: Rumi non parla solo ai musulmani, ma racconta cose belle, vere e utili per tutti.

Oggi c'è molto odio tra le religioni. Leggere Rumi ci fa capire che ogni grande religione va rispettata. Perché ogni grande religione ha cercato, in modo serio, di dare delle risposte alle domande degli uomini. Perciò, non sono le grandi religioni a sbagliare, ma gli uomini. Sono gli uomini che si lasciano prendere dall'odio verso chi non la pensa come loro.

Tutti i grandi poeti, scrittori e filosofi del mondo hanno detto le stesse cose. Infatti, l'uomo è sempre lo stesso: ovunque e in ogni epoca, mostra sempre le stesse debolezze o virtù. Vale in Italia come in Persia. Vale oggi come nel Duecento. Anche per questo Rumi è ancora attuale.

     
 
 
[home] [chi sono] [libri] [film] [concerti] [web writing] [contatti]


alessandro@parlochiaro.it