[home] [chi sono] [libri] [film] [concerti] [web writing] [contatti]


Copyright © 2005-2006 Alessandro Scuratti, all rights reserved
alessandro@parlochiaro.it

Torna alla Homepage

Chi sonoLibriFilmConcertiWeb writingContatti

 

 

 

 

home > web writing > Scrivere per i motori di ricerca

 

 



Scrivere per i motori di ricerca

Il 70% degli utenti guarda solo le prime tre pagine di risultati dei mo-tori di ricerca. Perciò, è fondamentale entrare nei loro primi 30 posti.

Per classificare le pagine web, i motori usano un algoritmo. Ogni mo-tore usa il suo e lo modifica spesso. Perciò, per entrare nei primi po-sti dei risultati, non c'è un modo valido sempre e per tutti i motori.

Però, alcuni trucchi dovrebbero dare sempre buoni risultati, con qual-siasi motore di ricerca:

1. In ogni pagina del tuo sito, parla di un solo argomento. I motori cercano di capire qual è il tema di una pagina per classificarla. Pagi-ne che parlano di tutto, non saranno mai nelle prime posizioni. Se proprio devi parlare di più temi, dividili in sezioni e crea pagine speci-fiche per ogni sezione.

2. Scegli le parole chiave (keywords) giuste. Per farlo:

.: Mettiti nei panni dei tuoi utenti: che parole inserirebbero su un motore per trovare siti che parlano del tuo argomento?

.: Scegli parole più legate che puoi al tuo argomento.

.: Considera anche il plurale delle keywords.

.:
Evita keywords molto usate o generiche, tipo sex. Le usano già in troppi ed è da furbi (i motori se ne accorgono e ti penalizzano).

.: Ricorda che pochi utenti fanno ricerche con una sola parola: ne u-sano due o più. Perciò, associa le tue keywords. In particolare, com-binale a coppie.

3. Scegli il giusto numero di keywords. Se esageri, i motori pense-ranno che le pagine del tuo sito trattano argomenti troppo diversi tra loro e sarai penalizzato. Non andare oltre le 4/5 keywords.

4. Inserisci le keywords in questi punti:

.: .: Nel nome di dominio del sito e nell'URL delle singole pagine.

.: Nel corpo del testo. Usa una keyword per frase. Usa la keyword più importante nella prima frase. Il primo paragrafo del testo dovreb-be contenere tutte le keywords. Non ripetere le keywords all'infinito: i motori ti penalizzeranno. Il giusto rapporto tra keywords e parole visualizzate sul browser è tra l'8% e il 10%.

.: Nel titolo della pagina (tag <TITLE> ... </TITLE>), cercando di scri-vere un titolo che dica con precisione di che parla la pagina.

.: Nei metatag description (riassunto della pagina non oltre i 150 ca-ratteri) e keywords (lista di keywords separate tra loro dalla virgola).

.: Nei tag <H1> ... </H1>, <H2> ... </H2> e <H3> ... </H3>, usati di norma per i sottotoli.

.: Nei titoli e nei mouseover dei link.

.: Nei corsivi e nei grassetti.

.: Negli alt text delle immagini.

.: Nelle scritte delle immagini e dei bottoni del menu di navigazione.


5. Aggiorna spesso il tuo sito. I motori premiano chi dà contenuti freschi agli utenti.

6. Fatti linkare da altri siti, soprattutto da quelli che trattano argo-menti simili al tuo. Meglio se, a loro volta, questi siti sono molto lin-kati, perché i motori li considerano più «autorevoli». I link in entrata sono veri e propri «voti» che il tuo sito riceve da altri siti.

7. Fa' molti link interni. I motori premiano i siti usabili e un sito usa-bile ha molti link tra le sue pagine. Perché più link interni ci sono, più è facile spostarsi tra le sue pagine. Per esempio, una pagina senza un link alla homepage del sito è considerata poco usabile.

8. Pubblica una mappa del sito. La mappa permette all'utente di ve-dere tutte le sezioni e le pagine del sito. Rende cioè il sito più usabi-le. E aiuta i motori a classificare le pagine del sito con poco sforzo.

9. Usa i foot links, cioè i link testuali in fondo alla pagine che sosti-tuiscono i bottoni del menu di navigazione.

10. Non creare un sito con una struttura profonda. Per i motori, un sito profondo è poco usabile. Perché obbliga l'utente a troppi click per leggere i contenuti profondi. Tre livelli di profondità è il massimo.

11. Evita le «pagine per le allodole». Sono pagine che s'inserisco-no ai primi posti dei risultati sfruttando keywords che non c'entrano con il loro argomento. Queste pagine, dopo qualche secondo, indiriz-zano l'utente sulla vera pagina. Per i motori, questo è spamming.

12. Non creare menu in Flash: sono letti con difficoltà dai motori. Se proprio devi usare Flash, metti anche dei menu in HTML.