[home] [chi sono] [libri] [film] [concerti] [web writing] [contatti]


Copyright © 2005-2006 Alessandro Scuratti, all rights reserved
alessandro@parlochiaro.it

Torna alla Homepage

Chi sonoLibriFilmConcertiWeb writingContatti

 

 

 

 

home > web writing > Regole del web writing

 

 



Regole del web writing

1. Assicurati d'avere un buon motivo per scrivere
2. Scegli il tuo pubblico e mettiti nei suoi panni
3. Sii sincero
4. Sii breve
5. Sii chiaro
6. Sii preciso
7. Sii logico
8. Sii coerente
9. Sii coraggioso
10. Sii ipertestuale
11. Sii bello da leggere
12.
Fa' una revisione finale


1. Assicurati d'avere un buon motivo per scrivere.

Scrivi solo se hai davvero qualcosa di utile da dire. Nel web c'è tanta spazzatura: non aumentiamola.
Torna su
2. Scegli il tuo pubblico e mettiti nei suoi panni.

Qual è il tuo pubblico? Per chi scrivi? Inizia a scrivere solo dopo aver risposto a queste domande. Perché i testi generici, buoni per tutti, sul web non funzionano.
Scelto il tuo pubblico, mettiti nei suoi panni. Che cosa vuole leggere? Come dev'essere scritto? Scegli gli argomenti adatti al tuo pubblico e parlane con tono e stile adeguati: sii specifico.
Torna su
3. Sii sincero.

.: Di' la verità, sempre.
.: Parla solo dei fatti.
.: Cita le fonti.
.: Da' prove di ciò che dici: dati, statistiche, ricerche.
.: Non copiare i testi degli altri: è disonesto e contro il copyright.
Torna su
4. Sii breve.

.: Va' subito al sodo.
.: Scrivi frasi brevi: al massimo 20 parole per frase. Evita l'errore opposto: un testo con frasi di 5-6 parole annoia.
.: Non ripetere i concetti.
.: Usa un linguaggio semplice.
Torna su
5. Sii chiaro.

.: Dividi il testo in paragrafi.

.: Evita ogni gergo. Usa un gergo solo se il tuo lettore lo conosce.

.: Usa parole semplici, concrete, familiari.

.: Scrivi su colonne larghe al massimo 500 pixel. L'occhio del lettore s'affatica meno.

.: Usa titoli e sottotitoli nel tuo testo.

.: Usa gli elenchi per presentare le voci di una lista.

.: Fa' capire subito di che parli: metti l'idea più importante all'inizio, poi scendi nei dettagli. È la tecnica della piramide rovesciata.

.: Evita lo scrolling verticale e soprattutto quello orizzontale.

.: Usa le tabelle per presentare un gruppo di dati numerici.

.: Evita le frasi negative (quelle con il non). Il cervello fa un doppio la-voro: prima deve capire la frase in positivo, poi girarla in negativo.

.: Evita l'allitterazione.

.: Usa questa struttura per le frasi: verbo, soggetto, complemento oggetto. Non mettere troppe parole tra i tre elementi: tienili vicini.

.: Usa gli aggettivi e gli avverbi indispensabili. Togli tutti gli altri.

.: Evita gli incisi (cioè le frasi tra lineette, come: "Ti amo e - anche se non te l'ho mai detto - non ti lascerò mai): distraggono.

.: Evita le preposizioni coordinate e subordinate, soprattutto le rela-tive (iniziano con che, il quale): distraggono.

.: Usa le parole straniere solo se già entrate nel nostro vocabolario. Altrimenti, usale solo se indispensabili e spiega il loro significato.

.: Scrivi per esteso acronimi e sigle, tra parentesi. Ma solo la prima volta. Usa acronimi e sigle solo se necessari.

.: Usa
i verbi nella forma attiva: danno forza alla frase. I verbi alla forma passiva tolgono forza alla frase.

.: Evita i giochi di parole: distraggono.

.: Usa maiuscole e minuscole in modo corretto.

.: Fa' esempi concreti per spiegare concetti difficili o poco familiari.

.: Evita le figure retoriche.

.: Usa i link in modo corretto.

.: Evita di nominalizzare i verbi. Cioè: non scrivere dare considerazio-ne, ma considerare. Non scrivere procedere allo studio, ma studiare.

.: Usa caratteri che abbiano una grande leggibilità sul minitor: verda-na, arial, helvetica.

.: Usa un solo colore per i caratteri. Scegli un colore dello sfondo che contrasti molto con quello dei caratteri.

.: Usa il grassetto per evidenziare le parole chiave.

.: Evita i caratteri sottolineati: si confondono con i link.

.: Evita il corsivo: si legge male sul monitor.

.: Usa correttamente la punteggiatura.

.: Usa correttamente le virgolette.

.: Usa i microcontent.

.: Riduci al minimo grafica e immagini.
Torna su
6. Sii preciso.

.: Evita gli errori d'ortografia, grammatica, sintassi.
.: Usa la parola giusta al posto giusto. Evita i suoi sinonimi.
.: Documentati prima di scrivere. Chi è documentato è autorevole.
Torna su
7. Sii logico.

Cura i legami logici tra frasi. Si tratta d'usare parole di connessione come: cioè, perciò, così, infatti, quindi, poi, ma eccetera.
Cura i legami logici tra concetti. Spiega i passaggi che dal concetto A portano al concetto B.
Torna su
8. Sii coerente.

.: Se hai affermato una cosa, non dire il suo contrario poco dopo.
.: Se stai usando un certo tono e un certo stile, non cambiarli.
Torna su
9. Sii coraggioso

.: Parla in prima persona, esponiti: dà un'identità forte ai tuoi testi.
.: Trasmetti emozioni al tuo lettore: le emozioni piacciono a tutti.
.: Evita la forma impersonale. O vuoi nasconderti?
.: Evita i gerundi. Sono freddi e impersonali.
Torna su
10. Sii ipertestuale.

Sfrutta le caratteristiche dell'ipertesto. Metti gli argomenti importanti a portata di mano del tuo lettore. Metti i dettagli nei link.
Torna su
11. Sii bello da leggere.

.: Sii originale (senza esagerare): crea uno stile tuo, riconoscibile.
.: Trasmetti al tuo lettore energia ed entusiasmo.
.: Cattura l'attenzione del tuo lettore. Lo stile piatto e freddo annoia.
.: Evita le forme impersonali: sono fredde e sanno di burocrazia.
.: Evita le domande retoriche: annoiano.
.: Evita le frasi fatte: annoiano.
Torna su
12. Fa' una revisione finale.

Controlla d'aver rispettato tutti i punti sopra. In particolare:

.: Niente errori d'ortografia, grammatica, sintassi.
.: Testo breve e spezzato in paragrafi.
.: Tono e stile adeguati e coerenti.
.: Caratteri leggibili.
.: Link funzionanti.

Torna su